Domande Frequenti

Domande frequenti

Le nostre risposte

Trova con un semplice click le risposte agli interrogativi che ci vengono fatti più spesso. Leggi le Domande Frequenti Dolomia.

Dolomia non esegue e non ha mai eseguito test su animali in nessuna fase del processo produttivo, né sulle materie prime, né sul semilavorato, né sul prodotto finito. Dal 2009 inoltre la sperimentazione su animali di prodotti e ingredienti cosmetici è vietata per legge in tutta l’Unione Europa. I nostri prodotti non riportano in etichetta la dicitura "Non testato su animali" o “cruelty free” solo perché è un obbligo di legge che rispettiamo e che consideriamo sia “scontato” rispettare.

L’effetto colorato e coprente dei cosmetici decorativi si ottiene inserendo all’interno della formula dei pigmenti, che possiedono la proprietà di essere insolubili nel mezzo in cui vengono dispersi e renderlo quindi opaco. I pigmenti possono essere di origine naturale o sintetica.

I pigmenti di origine naturale vengono estratti da rocce e minerali e subiscono molti processi di purificazione. Tracce di metalli pesanti indesiderati, nell’ordine di alcuni ppm, possono tuttavia permanere e costituire un’impurezza.

Il nostro laboratorio controlla tutta la filiera, a partire dalle materie prime fino al prodotto finito al fine di garantire l'assenza di questi metalli o la loro presenza in quantità al di sotto della soglia di potenziale pericolosità.

Questo perché Nichel e Cobalto, come anche altri metalli pesanti, possono essere presenti come impurezze nei cosmetici di make-up. Le impurezze, per definizione, sono piccole quantità di sostanze indesiderate non completamente eliminabili con le tecnologie disponibili. Le tracce di metalli pesanti nel make-up derivano dall’utilizzo dei pigmenti necessari per garantire la colorazione e l’effetto coprente del make-up. Con le tecnologie disponibili oggi si riescono a ottenere pigmenti con un elevato grado di purezza, tuttavia possono rimanere nel pigmento tracce tecnologicamente ineliminabili di metalli pesanti (compresi Nichel e Cobalto) che si ritrovano poi nel cosmetico finito, per questo motivo nessun cosmetico decorativo può essere definito “Nichel free”.

Per questo motivo consigliamo di verificare preliminarmente la sensibilità individuale in questo modo: applicare il cosmetico nella parte interna dell’avambraccio, coprirlo con una garza e lascialo a contatto con la pelle fino al mattino successivo. Poi lavare la zona con acqua e sapone neutro di normale utilizzo. Monitorare la zona di applicazione per 4 giorni per verificare che non si verifichino arrossamenti/reazioni. In caso di reazioni entro 24 ore si tratta molto probabilmente di semplice irritazione, mentre se le reazioni appaiono dopo 24/48 ore dalla rimozione del cosmetico può trattarsi di allergia.

Nel primo caso è bene non utilizzare quel particolare cosmetico (ombretto n°…), nel secondo caso è bene non utilizzare alcun cosmetico di quel tipo (nessun tipo di ombretto, di qualsiasi marca) prima di aver verificato con un patch test (ovvero nella stessa maniera) la possibile fonte di allergia.

Per loro composizione, i cosmetici cui prestare particolare attenzione sono quelli dai colori più scuri e intensi in cui il contenuto di pigmenti è maggiore.

I cosmetici Dolomia vengono testati per la presenza di glutine a campione, secondo la criticità rilevata dallo storico delle analisi. Infatti, queste hanno sempre dato esito negativo.

Non testando tutti i lotti di produzione, preferiamo non riportare sulla confezione la dicitura gluten-free.

Sul sito dell’Associazione Italiana Celiachia alla sezione Domande Frequenti si assicura che il glutine potenzialmente presente nei cosmetici, compresi quelli per le labbra che possono essere ingeriti, non è da considerarsi pericoloso per i pazienti celiaci.

Il nostro laboratorio utilizza nei suoi cosmetici la minima quantità di conservanti, preferendo le sostanze con il maggior grado di sicurezza e ingredienti che svolgano un’azione batteriostatica o battericida senza gli effetti indesiderati dei conservanti tradizionali. L’osservanza di precise norme igieniche e di buona fabbricazione (GMP) durante la produzione ci permette di ridurre le fonti di contaminazione e quindi anche la quantità di conservanti al minimo necessario a garantire la stabilità del prodotto nel tempo. 

Questi conservanti sono esclusi da tutti i nostri prodotti: Triclosan, Methylchloroisothiazolinone, Methylisothiazolinone, 5-Bromo-5-Nitro-1,3-Dioxane, 2-Bromo-2-Nitropropane-1,3-Diol, Benzylhemiformal, Quaternium-15, Diazolidinyl Urea, Imidazolidinyl Urea (solo nei leave-on), Sodium Hydroxymethylglycinate, DMDM Hydantoin.

I cosmetici Dolomia non presentano all’interno delle formulazioni questo tipo di sistema conservante. Effettuiamo, inoltre, test specifici per verificare l’eventuale presenza in tracce di parabeni come riportato in etichetta “Paraben tested”.

Dolomia esclude dalle sue formule i derivati animali a eccezione dei prodotti documentati e privi di rischio come quelli derivati dell'alveare (nello specifico, la cera d'api).

I prodotti Dolomia contengono essenzialmente ingredienti di derivazione vegetale, sintetica o semi sintetica (biotecnologica) perché, da un punto di vista tecnologico, garantiscono un maggiore grado di purezza e tracciabilità.

In Dolomia mettiamo, infatti, al primo posto nelle scelte dei nostri ingredienti sicurezza, purezza e stabilità. 

Al momento, tuttavia, non disponiamo di alcuna certificazione vegana.

Hai altre domande o curiosità?

Affidati ai nostri Esperti per domande riguardanti il nostro mondo, gli ingredienti o come utilizzare i prodotti.

Hai bisogno di aiuto o assistenza?
Rivolgiti al nostro Servizio Clienti, contattaci cliccando qui.

Vivi l'esperienza Dolomia nelle migliori farmacie: prova i prodotti e affidati all'esperienza dei farmacisti per un consiglio personalizzato.